pace/palestina

Perché in Palestina.

Giunto quasi al termine di questa esperienza di volontariato in Palestina, delle domande mi rimbombano nella mente: cosa può fare l’Italia o per meglio dire quella parte d’Italia, la società civile solidale e sensibile nei confronti del popolo palestinese? Come gli internazionali possono supportare e sostenere la resistenza palestinese ed essere di un qualche aiuto ad un popolo martoriato da anni di violenze, soprusi e repressione?

Ho cercato di darmi delle risposte e per prima cosa ritengo che un buon punto di partenza sia quello di approcciarsi a questa causa abbandonando la presunzione etno-eurocentrica di insegnare agli altri cosa fare, di spiegare cosa fare o comunque di giudicare le varie forme di resistenza palestinese sulla base dei propri parametri culturali. Tuttavia, nel non fare ciò non bisogna cadere nell’errore inverso, ovvero prendere per buono tutto ciò che avviene in questa terra. Abbandonare ogni spirito critico per evitare di interferire in dinamiche a noi lontane anni luce o comunque abbandonarsi completamente a decisioni altrui anche se non pienamente condivise al fine di evitare di impattare e cozzare con modelli culturali altri da noi. Questa sottomissione acritica al modello culturale locale può essere considerata come una sorta di inverso razzismo culturale, laddove gli internazionali, afflitti forse da un insito e secolare senso di colpa, accettano anche controvoglia ciò che avviene o che viene loro proposto da parte di persone attraversate da altre culture.

DSC_0140

Murales ad Aida Refugee Camp, Betlemme

Con questo voglio dire che un buon punto di partenza può essere quello dell’inculturazione, adottare un approccio empatico. Sospendere il proprio sé, ascoltare e vedere senza presunzione ciò che ci circonda senza accettare acriticamente tutto ciò che accade. Solo questo approccio può permetterci di comprendere realmente e appieno ciò che avviene intorno a noi.

Un altro aspetto fondamentale è quello di informarsi o comunque cercare di aggirare la disinformazione di regime perpetuata dalla stampa italiana filo-sionista. Solo pochi giorni fa leggevamo su Repubblica online un articolo, a dir poco scandaloso, dal titolo “Israele assediato, cinque attentati” del 18 ottobre 2015. Ebbene sì, è tutto vero, c’è qualche presunto giornalista al soldo del governo israeliano che mente con la consapevolezza di mentire al fine di manipolare la reale portata degli eventi e sostituire la vittima con il carnefice.

Il miglior modo per capire cosa accade in questa terra martoriata resta uno solo, venire qui per guardare con i propri occhi, bypassare un’informazione di regime che etichetta con malizia semplicistica i palestinesi come terroristi e gli israeliani come vittime. Realizzare un cosiddetto political tour per toccare con mano il deserto che la barbarie sionista è intenzionato a realizzare nei Territori: la ferocia della repressione sionista che toglie giorno dopo giorno respiro al cuore della resistenza palestinese; l’umiliazione di essere etichettati come criminali laddove l’unico crimine è quello di reclamare il diritto a condurre una vita dignitosa. Ricordo ancora il senso di claustrofobia ed oppressione che ho provato quando ho visto con i miei occhi il muro dell’apartheid, sentimento che nessuna immagine vista su internet o in televisione aveva suscitato in me. Impressi nei miei occhi sono i volti delle vittime dell’apartheid, gli occhi di un padre che non può garantire un sonno sereno ai propri figli a causa delle incursioni notturne di esercito e coloni. Oppure la paura dei palestinesi di essere ammazzati in qualsiasi momento. Tanto loro sono colpevoli fino a prova contraria e se un colono o un soldato uccidono un palestinese possono sempre buttare un coltello vicino al suo cadavere e dire che ha provato ad aggredirli.

DSCN2694

Cartello all’entrata del check-point 56, Al Khalil

Al political tour si affianca un altro modo di intervento: il volontariato internazionale.

Quest’ultimo elemento è fondamentale al fine di manifestare la propria vicinanza al popolo oppresso e sostenere realmente le istanze di libertà urlate a gran voce dal popolo palestinese. Ricordo con gioia la gratitudine delle famiglie, vittime di raid notturni, presso le quali abbiamo dormito. Almeno per una notte si sentivano meno soli. Oppure la felicità e il senso di sicurezza delle bambine e dei bambini che, ad Hebron, abbiamo accompagnato a scuola attraversando check-point pieni di militari e strade zeppe di coloni che in ogni momento e senza alcun motivo possono maltrattare e malmenarli.

La repressione sionista prima di essere fisica, è psicologica. Punta a distruggere nell’animo la fierezza di un popolo al fine di far appassire ogni possibile germoglio di resistenza e ribellione. Punta a diffondere un senso di solitudine e di paura generalizzata e diffusa. Cerca di strattonare il popolo palestinese verso il muro dello status quo per ribadire che la situazione è questa e che prima o poi dovrai andartene perché questa terra appartiene ad un solo popolo, quello eletto.

La presenza internazionale, a mio avviso, può essere utile al fine di rincuorare e dare speranza ad un popolo che da anni non smette di contare i propri martiri. Manifestare la propria vicinanza al popolo palestinese e ribadire che l’operazione di pulizia etnica e di bonifica dei Territori Occupati non solo non si realizzerà, ma che Israele dovrà pagare o comunque rendere conto dell’abominio e della violenza insensata che sta esercitando su un popolo e sulla loro terra. Con gli internazionali al proprio fianco, il popolo palestinese sa che può contare su un valido alleato e su un sostegno incondizionato e non dettato da particolarismi e da interessi individuali. Saremo al fianco dei palestinesi nella loro marcia verso la libertà.

DSCN2723

Soldati appostati durante una manifestazione, Al Khalil

Le Sette Lune Rosse

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...