COLTIVARE SOTTO OCCUPAZIONE/conflitto/nonviolenza/palestina/palestine/raccolta olive

MUQAWAMA Al-ZEITUN. Testimonianze di scambi, resistenze e ritorni dal mondo agricolo palestinese.

Scambi. Passati ormai più di venti giorni in Palestina, raccogliamo le olive e scopriamo che gli agricoltori sono in realtà una miscellanea di laureati, migranti ritornati, medici, avvocati, docenti universitari, muratori e operai che nonostante le carriere perseguite e il posto di lavoro in città continuano a lavorare le loro terre con passione e dedizione. … Continua a leggere

RESISTENZA POPOLARE

Non tutte le strade portano al muro

Due settimane in Palestina e una delle parole più ricorrenti nei nostri discorsi è “strade”. La libertà di movimento, o meglio la non libertà di movimento in Palestina è uno degli aspetti più evidenti e odiosi dell’occupazione israeliana. La frammentazione del territorio e, di conseguenza, del popolo palestinese in aree differenti è la sabbia nell’ingranaggio … Continua a leggere

La Palestina che r-accoglie
COLTIVARE SOTTO OCCUPAZIONE

La Palestina che r-accoglie

Anche quest’anno in Palestina e’ iniziato il periodo della raccolta delle olive, una delle principali fonti di sostentamento nelle aree rurali della West Bank. Gli agricoltori non possono decidere autonomamente quando effettuare la raccolta poiché sono vincolati da permessi rilasciati arbitrariamente dall’esercito israeliano all’interno dell’Area C. Continua a leggere

Primo giorno in West Bank
RESISTENZA POPOLARE

Primo giorno in West Bank

2 Ottobre 2013, arriviamo a Bil’in. Il nostro primo giorno di permanenza in West Bank abbiamo assistito alla ottava conferenza annuale dei Comitati di Resistenza Popolare. Attraverso incontri e testimonianze abbiamo iniziato a conoscere alcuni aspetti di vita e di lotta in West Bank. Jordan Valley Due settimane fa nella Valle del Giordano la diplomatica … Continua a leggere